Il Pioppo

Il Pioppo

Lungo i fiumi del nord

Flessuoso ombreggi le acque

Che a maggio imbianchi

Con tappeti spumosi

Di neve e di piume

Che volano come

Piumini o Insetti

Non so se manna

caduta dal cielo

capriccio o pizzicore

il brioso suono delle tue

foglie mosse dal vento

è parlottio o voce di popolo

eri per l’antica stirpe

l’equinozio d’autunno

perché cadevano le tue

foglie nere e bianche

saturnine e venusiane

confine fra la terra

e il regno degli inferi

segnavi la soglia che

divide i morti dai vivi

splendente e dorato in settembre

spoglio e secco a dicembre

ventoso e lunare in aprile

ombroso e verde e  pigro

nell’agosto pieno e maturo

 

Paola Tassinari alias Teoderica

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.