LA PIOGGIA

886C9673-BBF1-47C2-A479-194B00D61756 (2)

Un tempo la pioggia mi piaceva

Ascoltarla al chiuso delle pareti

a letto prima di  addormentarmi

pensando e sognando desideri

no, ora non mi piace più

come non mi piaccio io

mi sento in colpa con tutti

per l’essere ciò che sono

oggi la pioggia lava via

le mie poche sicurezze

lasciandomi solo incertezze

che pungono come stiletti

mentre cerco di resistere

al senso orripilante del vuoto

ABITUARSI A MORIRE

E7D99EA4-BF0E-494A-8622-BD72E9A9060E (2)

A volte si è talmente tristi

Che una giornata di sole ferisce

Si vorrebbero giorni grigi e incolori

Magari freddi e piovigginosi

Per avere la scusa di non uscire

Tapparsi in casa come automi

Bevendo noia dalla televisione

Oppure nascondersi sotto le coltri

Quasi come abituarsi a morire

LA PAURA

Maat

Napoleone vinse tante battaglie

Ma perse l’ultima e rimase solo

Non deve essere stato facile

Sentirsi forti e vincitori

Per poi trovarsi a tappeto

Stesi da un montante

Un uppercut dal basso all’alto

Che rende la sconfitta più amara

Con la mente invasa di folle paura

Sentirsi in un limbo di cenere

Pensando a ciò che era e aveva

Chissà se qualche ricordo felice

Lo ha cullato nella sua perdita

 

IL MIO INCONSCIO

pt 6

Il mio inconscio è zuppo
Di biscotti e di impronte
Di antiche memorie
Che innaffiano la mente
Vivono attraverso di me
E non mi lasciano stare
Mi rosicchiano e mi spingono
Nel loro tutto nel loro fiordo
Così ieri ero Dante
L’altro ieri Michelangelo
Oggi sono Duchamp
Domani chi vivrà in me?
Anime che mi bi_scottano
Talmente grandi e potenti
Che non controllo
Anime che mi bruciano
In scintille colorate
Felici impronte pronte
Di svelarmi l’ignoto
O il noto immoto dono

Teoderica

 

CON ORDINE E SENZA OSSESSO

Paolo e Francesca

In fretta impazzisce
Chi diventa schiavo
Dell’eccesso e del disordine
Se il poeta dice che muore
Chi è schiavo dell’abitudine
Chi è preda e non domina
Il disuso e il caos caso
Sarà la vittima di se stesso
Perché vi è un tempo per la notte
E uno per il giorno
E occorre la misura della normalità
Per misurare gli angoli
Sia acuti che ottusi
La norma che regola
Con cui guiderai te stesso
Con ordine e senza ossesso

Teoderica